Altoparlanti per Custom Installation

Guida alle diverse tipologie di altoparlanti per creare progetti di diffusione sonora

Farsi un'idea aiuta a condividere le proposte dello specialista

“… e il naufragar mi è dolce in questo mare”. Potrebbe essere, al netto della ormai usurata citazione, un incipit consono alla non sempre facile scelta dei corretti altoparlanti, o diffusori, da utilizzare nei più diversi ambiti della Custom Installation.

Dimentica il vecchio diffusore rotondo installato nel soffitto. Esistono molteplici tipologie di diffusori da incasso

Il mercato offre una ampia scelta di diffusori da muro che spaziano per dimensione, tipologia, qualità sonora, forma, e finalità, senza contare prodotti speciali che fanno classe a sè e sono perfetti per certi tipi di progetti e sonorizzazione.

Senza pretese di esaustività, la seguente è una panoramica utile sia per chi ha un progetto o un’idea e vuole valutare le possibilità prima di affidarsi alle mani di uno specialista, oppure per chi è in cerca di nuovi stimoli ed idee.

Come diciamo sempre, non serve diventare esperti, ma è un piacere capirne qualcosa, anche per meglio decidere e assaporare il modo in cui investiamo del denaro.

Altoparlanti piatti, suono ad alta fedeltà.

Posizionare altoparlanti nel mondo della custom installation richiede un po’ di lavoro. Come si installano gli altoparlanti inwall? Ma poi tutto questo lavoro ha senso? A ognuno la sua risposta, qui ci limitiamo a portare alla luce alcuni trend e casi effettivi, per dare informazioni su cui concordare o dalle quali dissentire.
Molte persone scelgono di appendere il nuovo schermo piatto al muro. Il video è ormai molto buono o addirittura eccezionale ma, siamo onesti, il suono non è eccezionale. In particolare più è HD il TV e meno HD è il suono. Più che altoparlanti, la TV ospita dei tweeter. Qualitativamente poco superiori a quelli dei cellulari.
Quindi, perché non abbinare un paio di altoparlanti al nuovo Oled, magari piatti da appendere o addirittura da incasso, a filo muro? Esteticamente il risultato è validissimo ma quel che più importa è che il leone del film ruggisca e non miagoli, come invece faceva prima.
Molti Hotel e boutique di ogni livello hanno un buon occhio per i dettagli. Hai mai visto altoparlanti in giro? Non crediamo. Ma la musica c’è sempre, vero? Per tutti gli interni, per creare una bella atmosfera, una buona soluzione di diffusione musicale, raffinata e discreta, migliora la vita.

Quando si posizionano diffusori nelle pareti, si crea un foro nella parete (o nel soffitto). A volte i muri di tramezzo sono poco profondi e trovare il diffusore giusto non è sempre facile. Esistono però diffusori ultra sottili, come la Serie Custom T di Kef o Flat di ArtSound, che limitano la profondità necessaria al minimo assoluto. Questi speciali altoparlanti per custom installation sono  perfetti per chi ha poca profondità a disposizione e necessitano solo di pochissimo volume all’interno dei muri, anche meno di 4 cm. Quindi niente buchi grandi e profondi e nessun reale danno a pareti e strutture.

Nonostante la loro profondità limitata, questi diffusori ultra sottili producono un suono molto dettagliato e di alta qualità, distantissimo – per dare un riferimento per chi le ha provate – da quello delle soundbar che si possono reperire nei centri commerciali.
Alt Text

Altoparlanti stereo per Custom Installation

In un ambiente di piccole dimensioni, per mantenere un suono stereo ed evitare di fare due fori ed installare due diversi diffusori la soluzione è data dagli altoparlanti custom stereo. Magari stiamo pensando ad un corridoio, un bagno, una stanzetta secondaria. La scelta perfetta è un singolo diffusore custom installation stereo. Si tratta di un’unica unità con un cono per i medio-bassi e due tweeter separati, uno per il canale destro ed uno per il sinistro. Si otterrà in tal modo un suono stereo con un solo altoparlante. Attenzione: l’effetto stereo non è il medesimo che si ottiene dall’installazione di due diffusori classici a qualche metro di distanza, ma è il miglior compromesso possibile in un piccolo ambiente.

Altoparlanti ad ampia dispersione per Custom installation

Spesso la dispersione è associata a una sensazione negativa, ad una perdita di qualche tipo. Nel mondo del suono, al contrario, può essere esattamente l’obiettivo a cui tendere. Pensiamo alla luce. Esistono i classici faretti direzionali ed esistono luci diffuse, d’ambiente. Si possono scegliere diffusori a bassa dispersione, ovvero a raggio stretto, per sentire bene in una particolare posizione e disturbare meno altre zone. Questi altoparlanti sono pensati per emettere suoni molto direzionali ed il loro suono è limitato ad un cono il cui vertice è proprio l’altoparlante.
Alt Text
Più tipicamente, nella maggior parte della applicazioni audio si desidera un suono più ampio possibile in modo tale che nella zona d’ascolto ci si possa muovere in libertà sentendo sempre (bene) nello stesso modo, o comunque in modo quanto più uniforme possibile. In questo caso meglio scegliere altoparlanti custom ad ampia dispersione, ovvero che emettono un’onda sonora che si sviluppa in un cono molto ampio. I vantaggi nello scegliere questo tipo di altoparlante sono molteplici. Da un lato, come detto, la zona di copertura è maggiore. Altresì, diffusori ad ampia dispersione angolare consentono di utilizzarne un numero inferiore, con un grosso risparmio in termini di installazione ed invasività.
Con una ragionevole quantità di questi altoparlanti possiamo rapidamente ottenere una buona pressione sonora poiché le zone di diffusione si sovrappongono andando a creare una piena uniformità d’ascolto. I più celebri diffusori ad ampia dispersione sono i Kef, pensati proprio per evitare il cosiddetto hop spot, il punto perfetto d’ascolto, ricercando invece la golden area…
Alt Text

Altoparlanti motorizzati per Custom Installation

Come si può coniugare un’installazione minimale, massima direzionalità e valide performance? Un ufficio direzionale, una sala riunione o una sala cinema d’effetto potrebbero trarre giovamento dall’utilizzo di altoparlanti custom installation motorizzati. Perché non usare diffusori che al tocco di un interruttore (o all’attivarsi di uno scenario domotico) escono scenograficamente e silenziosamente dal muro per poi rientrare alla fine dello spettacolo? Immagina: scende il telo, si orientano i diffusori, si spengono le luci… ed inizia il film.
Il modello Ci3-80QT di Kef offre tutto questo. E’ un unicorno nel mondo di prodotti “fissi” per installazione, e proprio per questo una scelta obbligata per chi desidera effetto scenico e minimalismo nei momenti di silenzio.

Altoparlanti THX per Home Cinema e Custom Installation

THX è sinonimo di Cinema con la C maiuscola. Inventato da George Lucas, padre di Star Wars, il protocollo THX assicura, sia sul grande schermo che nel salotto di casa, profondità di impatto e il rispetto di rigorosissimi standard acustici. Vedi un esempio, (ma ti servirà un impianto THX per capire e sentire davvero). Sei un appassionato di Cinema o adori la fantascienza? Whatever! THX è il tuo protocollo.
Il massimo per il tuo saluto o Sala Home cinema è una gamma di speaker certificati da George Lucas : THX. I più performanti diffusori del mondo, con livelli di performance da cinema vero e proprio. I diffusori raccomandati e certificati per questi livelli “seri” sono pochissimi, e ascoltarli sarà una vera goduria. Sono il massimo livello di qualità e performance per la custom installation.
Media

Altoparlanti da Esterno e Custom Installation

Gli altoparlanti da esterno portano la tua musica laddove normali diffusori non potrebbero essere installati. In grado di resistere a temperature estreme (sole / ghiaccio) e con elevate certificazioni di isolamento – ad esempio da meno 30 gradi a più 70 gradi e con certificazione IP65, come la Serie KEF Ventura, questi altoparlanti accompagneranno le tue serate di svago per molti anni a venire, senza temere caldo, freddo, pioggia o umidità.

Trova la dimensione adatta alla tua applicazione, porta un cavo all’aperto ed installa alla pioggia il tuo diffusore, non temerà nessun raffreddore.

Nota bene: questi diffusori esterni sono passivi e necessitano di un segnale amplificato da un amplificatore esterno (solitamente posto al riparo!).

Puoi fissare questi diffusori a muro…o a una pianta! Sono i cosiddetti diffusori custom on-wall. Oppure, se preferisci, puoi appoggiare gli altoparlanti – o fissarli – al terreno. O ancora, come in casa, puoi incassarli nei muri. Ad ognuno il suo, de gustibus non disputandum est!

Alt Text

Subwoofer da Parete

Sia che si parli di un sistema multiroom, di una soluzione per migliorare l’audio della TV, di HiFi o Home Cinema i bassi sono molto, molto importanti. Molto spesso, d’altro canto, i subwoofer esterni sono abbastanza ingombranti e richiedono uno spazio in soggiorno che a volte è difficile concedergli. Grazie ai subwoofer da incasso l’impasse è risolto. Tondi, quadrati, rettangolari ed alcuni addirittura certificati THX per performance di livello superiore, non lasciano nulla al caso e garantiscono velocità, “punch” e presenza! I subwoofer da incasso hanno ormai raggiunto un livello assoluto che stupisce.

Subwoofer custom installation per incasso: prestazioni di altissimo livello, ingombro inesistente

E ricorda, il subwoofer custom install è naturalmente a tutti gli effetti un altoparlante custom installation ed è il miglior amico dei classici altoparlanti a muro con woofer da 10, 13 o 16 cm. Per la maggior parte delle installazioni ne basterà uno, in una stanza di medie dimensioni, ma se vuoi più “punch” basterà installarne un secondo: non è così raro! Puoi anche amplificarli con l’amplificatore Kasa pensato per alimentare due subwoofer.

In particolare, se usi altoparlanti da incasso con woofer inferiore a 16 cm un subwoofer è davvero consigliato. Infatti i classici speaker da 20 cm sono abbastanza grandi da poter “dare corpo” alla musica mentre altoparlanti più piccoli, solitamente in tagli da 16, 13 o addirittura 10 cm di woofer non riescono a veicolare al meglio le basse frequenze.

Pertanto, se stai pensando di sonorizzare un ambiente ricordati di scegliere possibilmente diffusori con woofer da 20 cm o almeno da 16 cm. Oppure, se preferisci dotarti di modelli anche di ottima qualità ma di diametro-cono inferiore considera l’abbinamento con un subwoofer.

Naturalmente ha senso scegliere diffusori di diverse dimensioni in aree diverse, con l’unica accortezza di selezionarli dello stesso Marchio e possibilmente Serie per avere una timbrica e un suono costante e coerente.

Inoltre se il classico sub da esterno è troppo ingombrante ma non vuoi nemmeno incassare nulla a muro, hai ancora una chance. Artsound FL-A80, il più sottile subwoofer onwall, pensato per essere appeso a parete!

 

Costi degli altoparlanti custom installation

Per gli altoparlanti custom installation il prezzo è proporzionale alla qualità del suono ed alla dimensione. Si va dai cosiddetti “faretti sonori” dal diametro di 5 cm e dal costo di una pizza,  a diffusori rettangolari 20 x 30 cm con tweeter a guadagno regolabile, agli altoparlanti certificati THX da 20 x 107 cm e dalle prestazioni mostruose!

In tutto questo, al netto delle dimensioni, il mercato offre linee di speaker custom con componenti di vari livelli qualitativi e che possono adattarsi ad ogni budget.

E’ possibile scegliere diffusori più convenienti, perfetti per un sottofondo sonoro in tutta l’abitazione o l’ufficio. A fianco di questi magari si può dotare la zona più importante, la sala riunioni o il salotto, di altoparlanti più fedeli, pensati per un ascolto attivo e la massima facilità d’ascolto.
Orientativamente gli ordini di spesa sono – come spesso accade – dalla pizza all’automobile. D’altra parte come in ogni curva di dispersione statistica, un buon livello di qualità si trova già spendendo l’equivalente di una buona scarpa da ginnastica di marca. La raccomandazione è di concentrarsi sulla qualità almeno per le zone a maggior ascolto attivo – ex. sala, salotto, camera principale – se necessario limando la spesa nelle zone secondarie.
Naturalmente si può scegliere con buona soddisfazione una soluzione conveniente ma valida, selezionando diffusori affidabili per un ascolto a basso volume ad esempio in una zona uffici o in una ampia superficie commerciale.
Possiamo, con la libertà di semplificare, classificare quattro livelli qualitativi per i diffusori da incasso.
  • Altoparlanti custom installation economici

Se quello che si cerca è un leggero sottofondo sonoro ed il massimo risparmio la soluzione può essere quella dell’installazione di più diffusori dalle dimensioni contenute. Non sempre sarà la soluzione più economica in assoluto poichè la dispersione sonora dei diffusori economici è solitamente bassa e, a seconda dell’ambiente, potrebbe essere necessario un numero elevato di altoparlanti. Marchi specialisti del settore avranno discrete caratteristiche anche se appartenenti al livello più economico del brand. Un buon esempio è dato dalla linea Basic di ArtSound il cui nome già garantisce il rispetto del budget.

  • Altoparlanti custom installation di medio livello

Salendo di livello iniziamo a parlare di tecnologie specifiche e di prodotti più ricercati, sempre nell’ambito dell’ottimo rapporto qualità prezzo. I produttori più forti offrono gamme intermedie profonde, magari differenziando le offerte in funzione delle necessità specifiche: tweeter regolabile, oppure massima dispersione, o magari grande resistenza all’umidità.  Il miglioramento rispetto alla linea economica è evidente,  le armoniche musicali sono sostanzialmente presenti, le voci sono chiare e piacevoli. Questi livelli di diffusori audio possono gestire un volume massimo superiore ai precedenti ed a volumi bassi restano comprensibili.

  • Altoparlanti custom installation di alto livello

Se vogliamo dotarci di altoparlanti di buon livello dobbiamo necessariamente rivolgersi ai marchi produttori di soli altoparlanti e leader nel settore. Nessun marchio generalista di elettronica produce altoparlanti che siano qualcosa più che meramente funzionali. Sia chiaro la funzionalità è basilare, ma qui si ricerca oltre. Il piacere di un prodotto che sappia trasmettere, come lo farebbe un buon diffusore da scaffale, la vera musica. Scegliendo diffusori custom installation premium abbiamo la ragionevole certezza che, opportunamente pilotati da buoni amplificatori, sappiano non solo creare un sottofondo musicale ma anche farci divertire, suonare ad alto volume, regalarci un’emozione.

E’ importante che gli altoparlanti siano collegati ad elettroniche multicanale di medio livello perché altrimenti riceverebbero un segnale non adeguato. A livello di risultato acustico tutte le armoniche sono ben presenti ed armonizzate, il suono prodotto è ottimo a tutti i livelli e con ogni tipo di musica. Possiamo parlare di profondità e di precisione nella riproduzione musicale. Da qui in poi è più divertente stare in casa che uscire ;-). Questi altoparlanti custom installation possono gestire un volume massimo elevato, ed a volumi molto bassi restano estremamente leggibili e godibili.

  • Altoparlanti custom installation di livello estremo

Una ristretta elite di marchi offre il massimo a chi vuole il massimo. Esistono linee di altoparlanti da incasso che derivano direttamente da serie di diffusori free standing di altissimo livello. Parliamo di tecnologie estreme, materiali nobili, design curati fino al minimo dettaglio. In applicazioni e progetti di alto livello, dove tutto l’arredo e gli impianti sono curati al massimo, questi diffusori offrono un livello di dettaglio e di resa sonora assoluto, esattamente al pari delle controparti tanto care al pubblico audiofilo.

La parte elettronica che controlla speaker di tale raffinatezza è a sua volta scelta con cura. Si parla sempre di ottimi amplificatori finali multicanale e processori audio in grado di pilotare con dovizia tanto ben di dio. La potenza gestibile dall’intero sistema è estrema, il livello di dettaglio a bassi volumi è assoluto e la dinamica generale sempre eccellente. E’ la miglior forma di intrattenimento privata possibile.

 

Kit e Cassematta per altoparlanti da incasso

I diffusori inwall, quindi i classici per installazione ad incasso, possono essere integrati in modi diversi anche in funzione dei materiali in gioco, siano essi legno, cartongesso, calcestruzzo, mattoni pieni, mattoni forati etc.
Nel caso di mattoni pieni o forati, come nel caso del cartongesso, si può decidere di utilizzare degli specifici kit per il montaggio a incasso. Questi kit sono in pratica delle casematte o scatole da incasso, e sono molto raccomandati dato che assolvono ad un duplice scopo.

Da un lato fungono da perfetta cassa di risonanza per il diffusore. Dall’altro sono la perfetta interfaccia meccanica fra l’altoparlante ed il muto grezzo. 

In alcuni casi kit tengono addirittura conto anche dello spessore della griglia (tipicamente 1 o 2 millimetri), annegandola completamente nel muro.
Se si desidera ottenere un risultato totalmente invisibile, è possibile scegliere di verniciare la griglia con una leggera nebulizzazione.
In questo modo, l’altoparlante si fonderà con l’ambiente circostante senza perdere la qualità audio.

Meglio usare la cassamatta o no?

Se ti chiedi se gli altoparlanti a muro suonino meglio con o senza scatola di risonanza, ovvero con o senza un certo volume a loro dedicato, la risposta non è inequivocabile. Dipende davvero dalla situazione. Quando si costruiscono altoparlanti in un controsoffitto, potrebbe benissimo essere che lo spazio interno al controsoffitto funzioni bene come una scatola di risonanza. Capita spesso. Diversamente, potrebbe essere che non ci sia abbastanza o anzi vi sia troppo spazio.

Il troppo o troppo poco spazio inficiano la qualità finale del suono.

Per garantire il miglior suono in generale consigliamo dei kit acustici specifici per i vari modelli e le varie tipologia di diffusori. Questi kit assicurano la possibilità di installare altoparlanti annegandoli nel cemento (va previsto prima di fare la gettata!) o inserendoli in altre pareti in una scatola di risonanza ideale per le loro dimensioni. In generale è importante che dietro ai diffusori integrati sia presente la giusta quantità di volume per garantire il miglior risultato acustico.

Fare da soli o chiedere aiuto?

Abbiamo fatto un lungo excursus sul mondo dei diffusori per custom installation. Ora sta a te decidere come procedere.
– Sei esperto. Sei convinto delle tue capacità? Grande! Qui troverai una vastità di proposte con altoparlanti, cavi e kit per il montaggio. Puoi iniziare subito!
– Hai compreso i fondamentali.
Non sei completamente sicuro da dove cominciare? Chiedici un consiglio
– Non è il tuo mondo.
Vuoi che qualcuno si prenda cura completamente del tuo progetto? Ti indicheremo a chi rivolgerti.
Media
preloader