Cassa Bluetooth: la più INTELLIGENTE è danese

    Grazie alla nuova Dynaudio Serie Music il marchio danese dell’audio anticipa il futuro con una cassa bluetooth “INTELLIGENTE”!
    Ed anche se Arthur Schopenhauer amava dire che “Ogni uomo considera i limiti della propria visione personale come i limiti del mondo” per nostra fortuna la Dynaudio è andata ben oltre con un prodotto innovativo nel suo genere.

    unione del cervello con la IA

    Singularity is near

    L’Intelligenza Artificiale, nei prossimi 50 anni, sarà il settore che più rivoluzionerà le nostre vite. La comunità scientifica è talmente concorde nel verificarsi di questa previsione che probabilmente non si può nemmeno parlare di futuro ma di un cambiamento già in corso del quale non siamo pienamente consapevoli. Non nel quotidiano almeno.

    C’è chi, come Ray Kurzeweil, si spinge ben oltre parlando di crescita esponenziale della tecnologia ed ipotizzando la “Singolarità Tecnologica” entro il 2045.

    La crescita esponenziale è ingannevole. Comincia quasi impercettibilmente per poi esplodere con furia inattesa – inattesa, se non se ne segue la traiettoria
    (Ray Kurzweil)

    Il punto sull’Intelligenza Artificiale

    Senza voler scomodare visioni future che, ad una “lettura superficiale”, possono assomigliare alle profezie di Nostradamus il presente è già ampiamente “contaminato” dalla IA.

    Le assistenti virtuali (Siri, Cortana, Google Now ecc) sono sempre disponibili e gentilissime. I chatbot si stanno diffondendo a macchia d’olio attraverso i servizi di assistenza ai clienti. Negli aeroporti buona parte della sorveglianza è affidata a software in grado di capire, ad esempio, se una valigia è stata abbandonata. I grandi portali di vendita (Amazon su tutti) utilizzano dei potenti algoritmi per capire chi, quando e perchè avrà bisogno di un determinato prodotto.

    Gli algoritmi che decidono a chi assegnare un determinato posto di lavoro, a chi erogare un mutuo o addirittura a chi permettere di uscire anticipatamente di galera sono sempre più diffusi. Tutto ciò e molto altro è già realtà, talmente realtà che la guida automatica non è quasi più considerata una novità.

    logo cortana assistente virtuale

    Il passo successivo è quello che Yuval Noah Harari (storico e saggista) ha definito Dataismo e cioè il il tentativo dell’Intelligenza Artificiale, attraverso la raccolta di dati (qualsiasi tipo di dato compresi quelli biometrici), di conoscerci meglio di quanto noi stessi ci conosciamo, potendo di conseguenza consigliarci… meglio di noi stessi. In un futuro non molto lontano, secondo lo studioso, si arriverà addirittura a chiedere al software di turno “Chi devo sposare?”.

    Anche se tutto ciò, a prima vista, può sembrare pura fantascienza i fatti del Presente concordano con il futuro ipotizzato.

    “Scordatevi di ascoltare voi stessi.
    Nell’era dei dati, sono gli algoritmi a darvi le risposte che cercate.”
    (Yuval Noah Harari)

    INTELLIGENZA ARTIFICIALE NEL CAMPO MUSICALE

    Dynaudio Serie Music si è presentata al mercato con un payoff molto aggressivo: “il più intelligente sistema wireless del mondo” che altro non è che un suggeritore di brani.

    Ognuno di noi ha delle preferenze musicali, una lista di canzoni preferite, una collezione di album ai quali si è particolarmente legati. Ogni tanto però capita di voler ascoltare qualcosa di nuovo che ci possa dare le stesse emozioni ma con un pizzico di novità. Ecco che allora l’amico di turno ci propone le sue canzoni, i suoi album ecc ecc. Ogni tanto il consiglio ricevuto ci sorprende in positivo ma il più delle volte rimaniamo delusi… dopotutto sono brani “selezionati” da un altro “software” (il cervello del nostro amico).

    “Music Now impara i tuoi gusti e suona ciò che sa che ti piacerà, anche se non l’hai mai sentito prima. Tutto con il semplice tocco di un pulsante”
    (Dynaudio)

    app Dynaudio Music

    Music Now by Dynaudio

    Grazie al software Music Now di Dynaudio l’algoritmo prenderà in esame le NOSTRE scelte musicali, i “mi piace/non mi piace” proponendoci dei brani “nuovi” che a loro volta entreranno (o meno) nell’equazione determinando una nuova evoluzione dei risultati. Un processo che, con le dovute proporzioni, ricorda molto il Darwinismo.

    Un amante del genere Heavy Metal (Metallica) potrà quindi scoprire con il tempo di apprezzare anche i Blind Guardian (Power Metal) trovando negli Era una sfumatura “epica” che lo ispira.

    Attenzione: l’uso intensivo e prolungato del sistema può portarvi verso lidi musicali inesplorati.

    dynaudio music: cassa bluetooth