Tel. 049.74.50.108 – 049.98.15.297

Con Cyrus One Cast potrai parlare al tuo impianto

    Con il nuovo Cyrus ONE Cast potrai riprodurre musica in streaming in alta qualità direttamente dal tuo telefono utilizzando Spotify, Deezer, Amazon Music, iTunes, Qobuz, Tidal – in pratica con tutti i servizi di streaming disponibili. E’ il primo amplificatore dedicato all’alta fedeltà in grado di interfacciarsi con i più importanti supporti vocali oggi esistenti: Alexa, Siri e Google.

    In questo video Fabrizio ci racconta il nuovo prodotto del marchio inglese con alcuni accenni ai due fratelli minori: Cyrus One e Cyrus One HD.

    La Linea Cyrus One: prima un pò di storia

    La linea Cyrus One si basa su un’elettronica di classe D, di ultima generazione. Un integrato di quarta generazione totalmente sviluppata nella propria sede in Inghilterra nello Cambridgeshire dove, circa 40 anni fa, Cyrus ha iniziato la sua avventura. Cyrus infatti nasce come spin-off di una delle più grosse aziende di audio degli anni 80: ovvero della Mission.

    All’interno di Mission, famosa in quel periodo per la produzione di altoparlanti di alto livello, decisero di iniziare a dotarsi di elettroniche. Per questo diedero ad alcuni degli ingegneri il compito di creare elettroniche/amplificatori sostanzialmente in grado di pilotare al meglio i propri diffusori.
    Nacque così, nel 1983, il primo Cyrus One. Il famoso “mattone grigio” divenne da subito uno degli oggetti più iconici nel mondo dell’alta fedeltà distinto dal tutto il resto della produzione mondiale per la sua forma. Nel sito Cyrus è presente tutta la storia del brand.

    Lo ricordiamo per la sua finitura grigia con un cabinet in ghisa molto innovativo per i tempi. Semplice nell’utilizzo e soprattutto ben suonante con i suoi 25 watts e capace di pilotare qualsiasi tipo di diffusore e con un prezzo decisamente aggressivo per l’epoca.

    A partire da quella produzione, agli albori degli anni ottanta, Cyrus ha iniziato la sua personale storia nel mondo dell’alta fedeltà. Il One Cyrus è stato il primo di una lunga serie fortunata serie di amplificatori e di elettroniche che Cyrus ha portato avanti fino ad oggi.

    In tutti questi anni , il brand inglese, ha continuato a produrre elettroniche restando sempre fedele alla propria identità, ovvero prodotti dall’alto
    contenuto musicale, dall’alta qualità e capaci di regalare ottime sensazioni ai propri clienti. Tutto questo senza tralasciare l’aspetto pratico. In primis quello delle dimensioni. Infatti è stata la prima azienda in assoluto a creare prodotti half-size per permettere l’inserimento delle proprie elettroniche all’interno di mobili o di situazioni domestiche non molto ampie.

    La modularità, ovvero la possibilità di crescere nel tempo e di costruire un impianto “mattone dopo mattone”, componente dopo componente fino a creare il proprio sistema di altissimo livello, è diventata il loro marchio di fabbrica.

    Oltre alla linea Classic (il mattone di cui sopra) due anni fa è nata la linea Cyrus One composta da tre elementi. Il primo, Cyrus One, è un amplificatore da 100 watt per canale con ben 70 ampere di corrente in uscita quindi virtualmente capace di pilotare diffusori molto impegnativi e difficili.

    Nel 2018 è stato introdotto il modello Cyrus One HD al quale è stato aggiunto un DAC di alto livello ovvero un full HD 24/128.
    Oggi parliamo invece del nuovo nato in casa Cyrus, il Cyrus One Cast.

    Alt Text

    Amplificatore con Alexa, Siri e Google

    Il Cyrus One Cast, come tutti i prodotti della serie One, si presenta con un ottimo imballaggio all’interno del quale troviamo tutti gli accessori e manuali necessari per far funzionare al meglio il prodotto.

    Esteticamente si presenta identico ai due fratelli “minori” tranne per le due antenne poste nel pannello posteriore che ne identificano anche la peculiarità distintiva e cioè la connessione wi-fi. Il frontale si presenta con le “tradizionali” due manopole esteticamente molto eleganti, una relativa alla selezione degli ingressi ed una per la regolazione del volume.
    Frontalmente sono presenti il tasto di accensione, il ricevitore ad infrarossi del telecomando e l’ingresso jack da 6,3 mm al quale è collegato un ottimo amplificatore per le cuffie che si avvantaggia del reparto di alimentazione del Cyrus One Cast. L’ascolto “intimo” diventa quindi una features rilevante nella valutazione di questo prodotto.

    Il Cyrus One Cast ha una particolarità che lo rende davvero innovativo. E’ probabilmente il primo amplificatore al mondo, nel segmento hi-fi, ad avere la connessione wifi e con l’integrazione di tutti i servizi di comando vocale relativi ad Apple Siri, Google Assistant ed Alexa.

    Questo permette finalmente di poter gestire nel modo più semplice e naturale possibile la propria musica all’interno dei propri
    ambienti. Essendo un cast, come chiaramente specificato nel nome, è possibile controllare più ambienti contemporaneamente proprio attraverso i comandi vocali.

    Alt Text

    Cyrus One Cast: le connessioni

    Oltre alla connessione wifi, il Cyrus One Cast è provvisto anche di ingresso bluetooth per una connessione immediata da smartphone, da tablet o da computer. Nell’All-In-One di Cyrus è presente anche un ingresso Phono per il collegamento di un giradischi. Da sempre il marchio inglese ha mostrato grande interesse per questo tipo di connessione dimostrata anche dalla bonta, nella linea classic, del Cyrus Phono Signature.
    Sono presenti gli ingressi analogici per collegarsi, ad esempio, ad un processore audio/video e fungere da sistema frontale all’interno di un sistema home cinema. E’ possibile inoltre collegare un computer attraverso la porta usb, una smart TV attraverso un ingresso ottico oppure attraverso l’ingresso HDMI ARC. E’ inoltre presente anche una comoda uscita pre-out per alimentare un secondo amplificatore oppure per pilotare un subwoofer ove si volesse realizzare un sistema 2.1.

    E’ evidente che le possibilità offerte dal nuovo amplificatore di casa Cyrus coprono tutte le variabili possibili.

    Sempre nel pannello posteriore troviamo i due morsetti di uscita per i diffusori, canale destro e canale sinistro. Sono degli ottimi morsetti trattati con sistema “anticorrosione” che sono capaci di poter accettare in ingresso sia la banana, sia il cavo spellato, sia la forcella. L’ingresso di alimentazione è un classico standard IEC che permette fra l’altro, ove si volesse nel tempo, di fare un upgrade del cavo di alimentazione.

    La linea Cyrus One è dotata di un brevetto particolare chiamato SID (Speaker Impedance Detection) che permette all’amplificatore una sorta di auto adattamento in base ai diffusori collegati per garantire il massimo delle performance dal punto di vista musicale.

    Riassumendo

    Cyrus One cast è il primo amplificatore al mondo ad avere, nell’ambito dell’alta fedeltà, la gestione vocale. Un amplificatore capace di gestire qualsiasi tipo di ingresso qualsiasi tipo di segnale. Un vero centro della musica. Un prodotto adatto per chi vuole ascoltare, nella massima semplicità, il miglior audio possibile.

    Il One Cast è l’amplificatore al vertice della linea One che parte con il modello “base”, il Cyrus One (880 euro), segue poi il Cyrus One HD (1300,00 euro) e finisce appunto con il Cyrus One Cast (1700,00 euro)

    Non ci resta che salutarvi ed invitarvi a seguirci sul nostro canale Youtube. A prestissimo.