Prova di KEF BLADE 2 a cura di Audioreview

    Leggi la prova completa a cura della redazione di Audioreview – Luglio 2015

    Il Celebre Magazine, bibbia degli appassionati audio italiani, ha lungamente testato ne nuove KEF BLADE 2, fra i più interessanti diffusori di alta gamma sul mercato



     Ecco alcuni brevi estratti, dall’articolo che potete scaricare in calce alla pagina

    – Bella, veramente bella la nuova creazione dei tecnici KEF.  Ben più che un esercizio di stile, Blade 2 riprende i canoni estetici e l’apparato tecnologico delle ottime Blade in una versione appena scalata nell’ingombro ma non meno valida nelle prestazioni

     

    – Questo componente è stato pensato e realizzato dai progettisti con una sola specifica imposta, ovvero quella di realizzare un diffusore vicino alla sorgente ideale, senza colorazioni, senza limitazioni particolari partendo da un budget quasi per nulla limitato

     

    – …lo smorzamento è notevole, tanto che sembra non vibrare mai, nemmeno con bordate notevoli prodotte sia con burst sinusoidali che con la musica

     

    – …I due filtri, uno per i quattro woofer ed uno per l’unità coassiale, sono ponticellati grazie a due pomelli, che se serrati nella loro sede assicurano il monowiring e se al- lentati separano elettricamente le due celle. Sono “patent pending” da una vita, ma risultano estremamente comodi da usare al posto delle barrette dorate

    – Il coassiale UniQ, cavallo di battaglia del costruttore da una trentina di anni, è giunto alla sua decima release. Il punto più critico della costruzione del coassiale e della sua resa acustica è costituito dalla sinergia dei due altoparlanti alla frequenza di incrocio. Tanta ricerca e sperimentazione, sia nel corto “collo” di collegamento che nella guida d’onda posta avanti alla cupola del tweeter hanno reso pressoché perfetto questo trasduttore

     

    – …inizia a delinearsi il carattere del diffusore, che si dimostra estremamente co- riaceo e imperturbabile alle esagerazioni proposte dall’amplificatore ed ovvia- mente da chi ruota la manopola del volume

     

    – La profondità della scena, di nuovo, non fa gridare al miracolo ma è precisa e soprattutto stabile, come la prestazione timbrica, all’aumentare del livello della pressione emessa. E scusate se è poco



    – La forma ben ottimizzata per abbattere le diffrazioni e le riflessioni interne aggiunge una pulizia che, misure alla mano, viene raggiunta da pochi, pochissimi prodotti

     

    – …le nuove KEF non si distinguono soltanto per la livrea snella ed elegante, un diffusore “importante” ma ancora inseribile con disinvol- tura in ogni ambiente domestico, anche il più curato.  Originale dunque l’aspetto estetico e tuttavia funzionale alle prestazioni in senso squisitamente musicale.

     

    – Sottoscrivo senza imbarazzi il quasi unanime apprezzamento nei confronti delle Blade 2

     

    – Avevo già avuto modo di notare come la nuova versione del driver coassiale tipico di KEF suonasse davvero bene. Qui c’è molto di più che una raffigurazione puntuale dell’immagine discografica. Innanzitutto un equilibrio timbrico naturale e non affaticante che consente loro di esprimersi con autorevolezza con la grande musica

     

    – KEF Blade 2 sono decisamente versatili nell’accoppiamento con le elettroniche e possono tollerare con dignità anche intese non propriamente prestigiose

     


     

    SCARICA L’INTERO ARTICOLO  PROVA KEF BLADE 2  di  AudioReview  di Luglio 2015 


    VALUTAZIONI  FINALI  |  KEF BLADE 2

    PRO 

    + Design originale

    + Facilità di inserimento in ambiente

    + Facilità di pilotaggio

    + Grande equilibrio timbrico

    Profondità scena

    + Prezzo assolutamente competitivo

    CONTRO 

    Prezzo comunque impegnativo – 

    Richiede location adeguata –  

    Meglio con elettroniche raffinate –  

    Necessita di spazio laterale –


    0 Comments

    Leave Reply

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.